Il 12 settembre si è disputato presso lo stadio di Cagliari “Unipol Domus” l’incontro di calcio Cagliari-Genoa valevole per il Campionato Nazionale di Serie A.

All’arrivo in città della tifoseria genoana gli Ultras sono stati accompagnati presso l’impianto sportivo a bordo di un autobus del CTM. Durante il tragitto in prossimità dello stadio un tifoso si è sporto dal finestrino brandendo un fumogeno acceso.

Per ragioni di ordine e sicurezza pubblica il corteo dei veicoli non è stato bloccato ma giunti all’interno dello stadio, precisamente nell’area dedicata alla tifoseria ospite, personale della DIGOS -Squadra Tifoseria ha proceduto all’identificazione di tutti i tifosi viaggianti dentro il mezzo pubblico.

La successiva attività ha permesso di identificare l’autore del gesto, un 53enne ligure, e deferirlo all’Autorità Giudiziaria perché responsabile del reato “Lancio di materiale pericoloso, scavalcamento e invasione  di  campo in occasione di manifestazioni sportive” di cui all’art. 6bis comma 1 della legge nr 401 del 13.12.1989.

L'articolo Cagliari, denunciato dalla Digos un ultrà genoano per aver acceso un fumogeno dentro l’autobus proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.