A sessantadue anni è passato dall’avere la testa sotto un tetto, non “stellare”, al tettuccio di una Fiat sgangherata e vecchia. Antonio Zanda, giardiniere al cimitero di San Michele, a Cagliari, è un uomo disperato: “Vivevo nel campo di via San Paolo da quattordici anni, avevo la mia roulotte e una compagna che, per me, era come se fosse mia moglie”. Poi, circa due settimane fa, il maxi sgombero dell’area. Polizia Locale e assistenti sociali intervengono tra i cumuli di rifiuti e le baracche vista laguna di Santa Gilla e scatta lo sgombero. Antonio viene avvicinato da una delle assistenti sociali del Comune: “Mi è stato offerto un alloggio in un istituto, insieme a gente che si ubriaca e che è stata in prigione”, sostiene il sessantaduenne, anche se non spiega da dove abbia avuto questo tipo di informazioni. “Sarei dovuto restare sveglio ogni notte per la paura? Ho detto di no”. E, con il suo stipendio mensile “di novecento euro”, ha provato a cercare un nuovo tetto: “Ho fatto qualche tentativo, purtroppo non accettano la presenza del mio cagnolino. Ecco perchè sto vivendo dentro un’automobile, al freddo e senza nessuno, solo col mio cucciolo. Non so più cosa fare. Ho provato a chiedere aiuto a dei miei parenti ma si sono rifiutati, dicendomi di andare via. Un anno fa ho subìto un delicato intervento sotto il cervello, le mie gambe camminano male, non ho abbastanza forza alle braccia e alla schiena”.E la sua compagna? “Sparita, non so dove sia finita. Provo a chiamarla ma non mi risponde. Chi può mi aiuti, cerco una casa per me e il mio cagnolino, sono disposto a pagare un affitto che non sia troppo alto. Sto mangiando solo panini, il mio numero è +393501258512”. In campo per aiutarlo anche l’avvocato Gianfranco Piscitelli: “Antonio è un signore con un lavoro, il suo unico affetto è un grazioso cagnolino beige: con lui dorme in auto, una Panda rossa, perché nessuno gli affitta una stanza proprio perché ha la cagnolina. Questa mattina l’hanno visto piangere ed ha raccontato il perché, inizia la brutta stagione, oggi San Martino ci ricorda anche il suo gesto di generosità nel condividere il suo mantello con il mendicante. Vi prego, quanti hanno una stanza o un monolocale vuoto, aiutatelo ma non chiedetegli di separarsi dalla sua cagnolina”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.