Cagliari, cresce la protesta contro la malamovida: “Case aumentate di valore? No, è un inferno”

Aumentano i cittadini, a Cagliari, che si dicono “esasperati” dalla malamovida. E, dopo il comitato “Rumore no grazie”, un altro gruppo di residenti che vivono a Marina, Stampace e Villanova provano a gettare le basi per creare un altro comitato di chi è contrario a tavolini, schiamazzi e movida sino a tarda notte. A organizzare il primo incontro Sandra Orrù, residente da vent’anni in piazza Sant’Eulalia, uno dei ritrovi “classici” di giovani, soprattutto nei weekend: “Ragazzini che spaccano bottiglie e che bevono alcolici, urlando in modo disumano. La situazione, dalla fine del lockdown, è peggiorata”, sostiene la residente, “è come se avessero riaperto le gabbie. I controlli spot e a macchia di leopardo decisi dal sindaco e dalla prefettura non bastano a liberare il centro storico dal degrado, devono coordinarsi meglio. Se potessi, andrei via dalla Marina. La mia casa ha acquistato valore? È il contrario, casomai, tra bottiglie rotte e vomiti”.

 

In via Napoli, da dodici anni, abita Ninni Caboni: “Troppo rumore, i tavolini dei locali sono messi in modo che, nel caso, un’ambulanza non può nemmeno passare. Ci vuole una presenza fissa della polizia, se viene solo una pattuglia i ragazzini la vedono e si spostano. Non riesco a prendere sonno mai prima delle due o delle tre di notte”. Da Stampace arriva la testimonianza di un chirurgo in pensione, Valter Farneti: “Vivo all’angolo tra via Sassari e via Mameli, i rumori indescrivibili ci sono sino alle quattro del mattino. Ho la casa tutta insonorizzata, eppure non riesco lo stesso a dormire. Quando lavoravo come chirurgo mi è capitato di dover andare a lavorare con solo due o tre ore di sonno. Ho viaggiato molto, in tutto il resto del mondo non ho mai visto situazioni come quella di Cagliari. A Barcellona la sindaca ha creato una situazione che porta la movida ad interrompersi, a Lisbona alle 24 chiudono tutti i locali. Abbiamo denunciato tante volte, ottenendo qualcosa, ma non basta ancora. Dopo il lockdown è tornato l’inferno”.

 

L'articolo Cagliari, cresce la protesta contro la malamovida: “Case aumentate di valore? No, è un inferno” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie