Coprifuoco spostato dalle 23, anche Cagliari inizia a rinascere la sera. Dopo mesi di “tutti a casa” alle 22, ecco i Sessanta minuti in più he consentono ai ristoratori e titolari di locali food di poter respirare. Insieme ai clienti, ovviamente. Ecco la situazione nel Corso Vittorio pedonale, nel primo tratto subito dopo piazza Yenne. Tavolini occupati e folla, c’è chi passeggia e chi mangia: spritz o cena completa, ognuno secondo i propri gusti. Una sera, la prima, di libertà riconquistata, seppur parzialmente. Tra gli avventori regnano sorrisi e serenità, i 16 gradi alle ventidue spaccate sono un antipasto di sere d’estate senza doversi più preoccupare di guardare l’orologio.

 

Il coprifuoco inizia la ritirata graduale, così ha deciso il Governo Draghi. E per la Sardegna l’addio sarà anticipato al primo giugno: contagi in netto calo, arriva la zona bianca, che porta in dote una grande conquista: zero restrizioni. A oltre un anno dall’inizio della pandemia del Coronavirus, il ritorno alla normalità è già realtà.

L'articolo Cagliari, col coprifuoco alle 23 ritorna la movida: tavoli occupati e folla nel Corso pedonale proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.