Freddo, termosifoni ko o accesi al minimo, finestre aperte o pericolanti. Ecco come si studia al liceo De Sanctis-Deledda di via Cornalias a Cagliari. Gli studenti, esasperati, hanno deciso di protestare. Stop alle lezioni, tutti nei corridoi con le sedie e, ovviamente, i giubbotti: “Le finestre sono pericolanti, i professori vogliono tenerle sempre aperte per il Covid e i termosifoni o sono spenti o sono messi al minimo. Tanti nostri compagni”, spiegano due rappresentanti, “sono a casa con febbre e tosse. Abbiamo parlato con la dirigente scolastica, ci ha detto di aver segnalato i problemi ma, sinora, non è intervenuto nessuno. Basta, così non si può più fare lezione”. Sono 15 le classi nell’istituto, “stiamo tutti scioperando”.A confermare i disagi è anche la mamma di un alunna di una classe terza, Monica Porcedda: “Sta male da venerdì, sono dovuta andare a prenderla a scuola e sta ancora lottando contro la tosse. Sì, i professori pretendono che le finestre reatino sempre aperte per far circolare l’aria ed evitare possibili casi di Covid. Ma, con i termosifoni spenti o accesi al minimo, la situazione ormai è diventata insostenibile”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.