C’è il Cornavirus, ma non è l’unica “emergenza”. Un gruppo di cittadini e pazienti, insieme all’Usb, chiedono a gran voce “di riaprire il Binaghi”. Malattie croniche, semplici visite, necessità di curarsi. Queste le criticità raccontate e denunciate dai partecipanti alla manifestazione fuori dalla strutra di via Is Guadazzonis: “Malati e personale sanitario non sono carne da macello”, tuona Gianfranco Angioni dell’Usb. “I pazienti non hanno posti letto, è una guerra. La paura più grande è che tutte le patologie vengano dimenticate, le attività ambulatoriali programmate adesso si bloccheranno di nuovo”. La ricetta per risolvere il problema? “Riattivare il Binaghi, ci sono già 50 posti letto disponibili. Nieddu deve fare qualcosa, l’incapacità uccide più del virus”.

“I pazienti non possono essere portati al Mater Olbia, con tante spese in più per la sanità. Ogni malato ha una dignità, non dobbiamo mai dimenticarlo”.

L'articolo Cagliari, cittadini e pazienti protestano davanti al Binaghi: “Non c’è solo il Coronavirus” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.