“Riaprite la sala lettura della biblioteca della Mem”. La richiesta all’assessora alla Cultura Paola Piroddi è degli studenti di Azione universitaria. Gli studenti ricordano che già la chiusura dei servizi bibliotecari, verificatasi durante il lockdown dei mesi di marzo e aprile 2020, ha causato problemi significativi nel reperimento del materiale didattico e nella prosecuzione della carriera universitaria.

E che in altri atenei italiani e in altri comuni  è stata sperimentato, con successo,  il mantenimento dei servizi bibliotecari in “zona rossa”, anche perché il sistema di prenotazione, i posti contingentati, le misure di prevenzione hanno fatto sì che sia le biblioteche dell’Ateneo cagliaritano, sia le biblioteche comunali diventassero posti sicuri, dove studiare limitando al massimo il rischio di contagio. Però mentre la biblioteca metropolitana Emilio Lussu è aperta, quella della Mediateca del Mediterraneo (“servizio fondamentale per gli studenti universitari, i quali hanno visto ridotti ed in alcuni casi soppressi i servizi bibliotecari d’Ateneo”) resta chiusa.

Nonostante “la possibilità di studiare in biblioteca offra agli studenti una migliore preparazione agli esami ed una maggiore possibilità d’accesso alle fonti durante la stesura della tesi.

Per Azione giovani “la scelta di chiudere il servizio della Mediateca del Mediterraneo rappresenta un ulteriore, grave, limitazione all’esercizio” del diritto allo studio.

Gli studenti chiedono all’assessora alla Cultura Paola Piroddi cosa abbia spinto l’amministrazione ad attuare la chiusura del servizio bibliotecario e di sala lettura, offerto dalla Mediateca del Mediterraneo, “in antitesi”, scrivono gli studenti, “con quanto previsto dal già citato art.42 del DPCM 2/03/2021, che dispone la possibilità di usufruire delle sale lettura e delle sezioni delle aule studio (anche in zona rossa)”.

E chiedono all’esponente della giunta Truzzu se “ha valutato la possibilità, a nostro avviso necessaria e fondamentale, di rendere nuovamente fruibile agli studenti i servizi citati, al fine di garantire agli studenti cagliaritani e non un preziosissimo (per tanti unico) angolo di studio sicuro”.

L'articolo Cagliari, chiude la sala lettura della Mediateca: studenti in rivolta proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.