Un centinaio di ragazzini hanno invaso sabato pomeriggio piazza Sant’Eulalia a Cagliari: “Sono arrivati tipo cavallette da piazza Matteotti poi sono entrati alla Marina e si sono riversati tutti in piazza Sant’Eulalia”.Sandra Orrù, residente della zona, ai microfoni di Radio Casteddu: “Qui c’è qualcosa che non va da anni a prescindere dall’apertura dei locali. Ora è dilagato, si riversano in tutta la città, il fenomeno si è amplificato. Piazza Sant’Eulalia è il fulcro perché la vendita di alcolici c’è sempre stata sino alle 3 del mattino. Il lockdown ha limitato e verso le 20:30 la situazione migliora. Si sballano e vanno proprio a cercare la rissa, sabato sono arrivati un centinaio di ragazzini verso le 17:30 del pomeriggio e hanno iniziato la rissa. In seguito sono arrivate un po’ di persone, le forze dell’ordine e si sono dileguati al Terrapieno. Tutti si lamentano, tutti ne parlano ma non si trova una situazione; tutti sanno ma forse non sanno come fare a risolvere la situazione”.Risentite qui l’intervista a Sandra Orrù del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/331793708252158/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.