Termosifoni ko da più di una settimana nella scuola di via Venezia a Cagliari. All’istituto Randaccio Tuveri centinaia di alunni sono alla prese con coperte e freddo. Il motivo? Le finestre delle aule, sempre spalancate, per via dell’emergenza Covid. E alcune classi che sono già in dad a metà per la presenza di studenti risultati positivi al tampone. I genitori sono furiosi, tra loro c’è anche Sabrina Mereu, mamma di una dodicenne che frequenta la seconda media: “Vorrei segnalare che dal rientro dalle vacanze natalizie nella scuola primaria di via Venezia a Cagliari il riscaldamento è spento. Considerato che le lezioni devono essere tenute con le finestre aperte lascio a voi immaginare quale disagio e rischio per la salute stiano affrontando i bambini. La dirigente scolastica ha segnalato il problema al comune ma nulla è stato risolto. È stato chiesto di attivare la DAD ma questo è stato fatto solo per i bambini non vaccinati (visto che in classe sono stati segnalati due positivi) mentre gli altri devono continuare a frequentare”, spiega la donna.“Non sarebbe meglio che la dirigente chiudesse la scuola fino alla riparazione del guasto? Anche mia figlia è stata male tra mal di testa e mal di gola, è potuta tornare in classe solo oggi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.