Due pronto soccorso per tutto il sud Sardegna, ecco il risultato. Nel lunedì sera post natalizio regna il caos fuori dal Brotzu. Alle 22:30 ci sono decine di pazienti in attesa, fortunatamente nessun codice rosso, e ben diciassette ambulanze che non se ne possono andare sinché il malato di turno non sarà preso in carico dal personale interno. E non va meglio al Policlinico di Monserrato: zero presenze al pronto soccorso ma numeri alti in medicina e chirurgia: ben tre codici rossi che, avendo la priorità assoluta, portano in automatico ad un rallentamento delle ventuno persone – dieci codici gialli e undici verdi – che attendono di potersi affidare totalmente alle cure dei medici.

 

 

Al Brotzu tredici pazienti in codice giallo e sei in codice verde hanno già superato la barriera del triage. Ma ci sono, contemporaneamente, ben ventidue persone, la metà “gialli”, che non sanno quando arriverà il loro turno, tra tampone da fare ed esito da attendere. Insomma, pieno caos nel primo giorno lavorativo post natalizio.

L'articolo Cagliari, caos nei pronto soccorso: ambulanze in fila e decine di pazienti al Brotzu, 3 codici rossi a Monserrato proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.