Paura e caos in tarda serata nel rione cagliaritano della Marina. Un algerino di trentotto anni ha danneggiato per ben due volte il negozio di uno straniero e, all’arrivo degli agenti di tre pattuglie della polizia Locale, ha impugnato una bottiglia di vetro e si è scagliato contro di loro, aggredendoli e minacciandoli di morte. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della Guardia di Finanza che, stando a quanto trapela, stava svolgendo un servizio di controllo nel quartiere. I finanzieri e i vigili sono riusciti a bloccare e disarmare l’algerino, prima di stringergli le manette ai polsi. Ci sono indagini e verifiche per capire come mai l’uomo abbia preso di mira il negozio. Forse vecchie ruggini col proprietario, o forse una scelta casuale.

 

Ciò che è sicuro è che, ancora una volta, si sono vissuti interminabili minuti di paura nel rione simbolo della movida a Cagliari. L’algerino è stato arrestato per il reato di minacce e resistenza a pubblico ufficiale e per danneggiamento. Presto comparirà davanti al giudice.

L'articolo Cagliari, caos alla Marina: algerino 38enne devasta un negozio e minaccia di morte i vigili proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.