“La riorganizzazione dell’ospedale Marino di Cagliari, con relativa chiusura e trasferimento di diversi reparti, come ad esempio traumatologia, produrrà un effetto potenzialmente dirompente nei servizi in appalto”: così Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti, che manifestano preoccupazione per il futuro dei lavoratori dei servizi interessati. Secondo le categorie infatti, “sarebbe inaccettabile procedere a una riduzione degli appalti di pulizie e sanificazione, mense e vigilanza, in un periodo particolarmente delicato per l’intero sistema sanitario messo a dura prova dalla pandemia”. Una scelta che potrebbe determinare un peggioramento complessivo dei servizi oltre che delle condizioni di lavoro. Nell’incontro con la Direzione del Marino Filcams, Fisascat e Uiltrasporti hanno sottolineato che “le maestranze attuali possono essere prese in carico dalle imprese che operano negli ospedali dove sono stati trasferiti i reparti dismessi con conseguente incremento delle attività da svolgere”. In parte, infatti, la riorganizzazione è stata già attuata, con reparti trasferiti al Brotzu e all’Aou.“Stiamo parlando di lavoratori che in tutta la fase di emergenza sanitaria si sono dimostrati responsabili e disponibili anche con turni faticosissimi per garantire attività essenziali – hanno detto Nella Milazzo (Filcams), Giuseppe Atzori (Fisascat) e Vincenzo Di Monte (Uiltrasporti) – lavoratori che oggi, paradossalmente, rischiano persino di perdere il posto”. Per questi motivi i sindacati hanno chiesto un incontro all’assessore alla Sanità, ai vertici di Ats, Aou e Brotzu, e considerano importante anche la presenza delle imprese che subentreranno nei prossimi cambi d’appalto previsti nei prossimi mesi. L’obiettivo è “salvaguardare l’occupazione delle attuali maestranze del Marino e capire quali siano le prospettive della struttura ospedaliera”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.