Prima le prese in giro, anche pesanti, sull’aspetto fisico. Poi, i colpi. Caos nella serata di ieri in un giardino del Cep, in via Archimede a Cagliari. Protagonisti, un tredicenne e un 17enne: il più piccolo ha prima rivolto delle frasi che rispecchiano in pieno un caso di bullismo nei confronti del ragazzo più grande. E, poi, i due si sono scontrati. Sono volati colpi, il più grande si sarebbe difeso e, nel caos della situazione, il diciassettenne ha anche perso l’orologio. A lanciare l’allarme, verso le 19, è stata la madre, che ha chiesto aiuto ad una pattuglia dei carabinieri di passaggio nel rione. I militari, insieme alla donna, hanno raggiunto il Mc Donald’s di via Bacaredda: lì, i militari, su indicazione della donna, hanno individuato un gruppo di minorenni. Tra loro ci sarebbe dovuto essere anche il tredicenne protagonista della lite. Dopo alcune verifiche, l’orologio non è saltato fuori e i carabinieri sono tornati per cercarlo nel giardino del Cep: nessuna traccia. Alla fine non c’è stato nessun provvedimento: la madre del 17enne, se vorrà, potrà sporgere denuncia per furto. Il figlio, stando a quanto si apprende, fortunatamente non avrebbe subito nessun danno grave.Ma resta comunque l’episodio, doppio, del bullismo e della lite: e, ancora una volta, i protagonisti sono dei minorenni.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.