È caduto per le scale del vico III San Giovanni, nel rione cagliaritano di Villanova, e si è ferito al volto e alle gambe. Maurizio Sanna, disoccupato 53enne, ieri notte se l’è vista davvero brutta. Strada buia, l’uomo stava portando fuori il mastello dell’umido quando è inciampato ed è finito sull’asfalto: “Colpa, purtroppo, dei lampioni, spenti da venti giorni. Non ai vedeva a un metro di distanza, mi si sono rotti anche gli occhiali. È arrivata un’ambulanza del 118 ma ho rifiutato il trasporto all’ospedale perché mi hanno detto che avrei dovuto attendere almeno cinque ore prima di essere visitato”, racconta, ancora molto malconcio, il 53enne. “È intervenuta anche una pattuglia della polizia Locale. Ogni anno, quando montano le luminarie, è la stessa storia”.

 

Il malcapitato è deciso: “Chiederò un risarcimento all’amministrazione comunale, devono almeno ripagarmi gli occhiali, distrutti. Oggi, poi, solo dopo il mio incidente, i lampioni sono nuovamente funzionanti. Si doveva davvero arrivare a questo?”.

L'articolo Cagliari, cade e si ferisce a Villanova: “Colpa dei lampioni spenti, il Comune deve risarcirmi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.