“Dopo numerose rimostranze dei Familiari di pazienti cerebro lesi Sardi, oggi è tornato drammaticamente alla ribalta, anche a seguito di recenti iniziative politiche, il pesante disagio di questi pazienti che, proprio per la loro fragilità, sono particolarmente bisognosi di un costante e qualificato approccio assistenziale di alto livello.

Purtroppo, la pesante situazione vissuta dai pazienti con gravi cerebro lesioni vascolari e traumatiche, anziché migliorare, appare sempre più critica ed insostenibile anche per i loro parenti, a causa del forte disagio che tutto il contesto di “incertezza” logistica, sta contribuendo ad incrementare”. Così Attilio Carta, UIL-FPL Segreteria Territoriale Area Vasta, in una lettera spedita alla giunta regionale e al Prefetto.

“Ben venga anche la collaborazione col “privato” purché, però, la stessa sia solo integrativa e mai sostitutiva. Ciò peraltro contrasterebbe persino con uno dei capisaldi della nostra stessa carta costituzionale.

[E’, invero, sicuramente proficuo illuminare il campo sanitario con più fari ma se si spegne progressivamente quello pubblico, restando acceso solo il “privato”, significherebbe relegare a ruolo di semplice “comparsa” (nel buio più totale quindi) la sanità pubblica confinandola, di fatto, in una sorta di drammatico, quanto imperdonabile, “oblio” operativo. La grave pandemia, che ha travolto tutto e tutti, ha, infatti, palesemente evidenziato la vistosa inadeguatezza del tanto esaltato Modello Sanitario Lombardo, notoriamente sbilanciato proprio sul privato.] Tutto ciò, impone però una rinnovata presa di coscienza politica e sociale da parte di ogni soggetto, istituzionale e non, a vario titolo preposto e coinvolto. La salute pubblica è un bene universalmente riconosciuto. Quindi tutti, nessuno escluso, hanno l’obbligo morale oltreché civile di tutelarla incessantemente. Esattamente come si dovrebbe fare con la libertà.

Non bastasse, dopo la discutibile “commistione” con pazienti ortopedici post operati e il focolaio di infezione da Covid 19 innescatovisi travolgendo pazienti e personale ad essi dedicato, la Neuroriabilitazione del Brotzu, già da tempo in palese affanno anche per l’insostenibile carenza di personale d’assistenza, è stata chiusa già da circa tre mesi, spostando quindi i pazienti in vari centri pubblici e privati della Sardegna.

Non si sottovaluti nemmeno che la “location” ideale di tale reparto, a maggior tutela del paziente, sarebbe dove, per garantire il percorso neurologico completo, siano presenti specialità quali stroke-unit, neurochirurgia, rianimazione, radiologia interventistica etc…. che, più di altri, il presidio S. Michele può garantire.

Basta, non è più accettabile tergiversare ancora su tematiche sanitarie e di tale portata sociale. E’ ora che ognuno si assuma le proprie responsabilità e si rassicurino i Cittadini Sardi con impegni certi e realistici , sgombrando il campo, quindi, da ogni eventuale tentazione politicamente propagandistica”.

 

 

L'articolo Cagliari, Brotzu senza Neuroriabilitazione: “Un dramma per i cerebrolesi sardi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.