Sono numeri drammatici quelli che emergono, nel 2020, per il settore extra-alberghiero. Cagliari chiude il 2020 con un meno 45,09% di fatturato e un calo di circa 7 milioni di euro. Questi alcuni dei dati elaborati da Maurizio Battelli, presidente dell’associazione Extra, e sviluppati grazie ai report dei principali portali di prenotazioni on line. Un risultato davvero critico se si considera che Cagliari negli ultimi anni ha registrato costantemente presenze turistiche con crescita a cifra doppia. “L’anno è iniziato bene, gennaio e febbraio in netta salita, poi è partito il Covid e il dato si è bloccato. Abbiamo tenuto a luglio e agosto, poi è tornata la discesa”, spiega Battelli a Casteddu Online. “Da quando è uscito il vaccino c’è stata una ripresa delle prenotazioni, ma è fondamentale capire quanto traffico riuscirà a recuperare l’aeroporto di Cagliari. I turisti che sono venuti hanno cercato sistemazioni riservate, la villa privata ha avuto una discesa non come in altre situazioni, come i villaggi. Serve sicurezza e distacco dalle altre persone. I ristori? Siamo messi moto male, non abbiamo partite Iva, nemmeno i b&b. Sono strutture che fanno da secondo reddito, tendenzialmente, ma se viene a mancare per tanti che hanno fatto investimenti, allora sono in forte difficoltà. La beffa è doppia, non abbiamo partita Iva per una questione di legge regionale, sarebbe stato ottimale e positivo per poter avere un ristorno di quanto perso. Il 30 per cento non ha riaperto l’attività”.

 

Laura Zazzara, presidentessa di B&B Cagliari, ha un’affittacamere da tre anni: “Questa situazione ci ha messo tutti in crisi, soprattutto considerato che non si spera tanto per il futuro. Nel 2020 non ho lavorato sino a luglio, poi sino a fine settembre una leggera ripresa”, spiega. “Più che altro clienti italiani, meno stranieri. C’è stata pubblicità negativa per la Sardegna, per quanto è successo per le discoteche ed è passato il messaggio del test obbligatorio per arrivare qui, sono arrivate altre disdette. Poi sono ripresi i contagi e il crollo è stato totale. Ho avuto crolli dell’80 per cento”. Capitolo aiuti dallo Stato: “Io ho la partita Iva, ma gli aiuti sono stati un niente rispetto al normale reddito che viene da un’attività come questa. A marzo ho avuto due tranche da 600 euro, poi mille euro poco prima dell’estate e altri 1500, rispetto a un fatturato nel 2019 di trentottomila euro. Andare avanti? Stringiamo i denti, sperando che i dati possano farci pensare che, quando si riprenderà, possa esserci una destagionalizzazione. Quando ci sarà nuovamente libertà di muoversi, la speranza è che vengano in vacanza anche a novembre e dicembre. Sennò, dovremo chiudere le strutture”.

L'articolo Cagliari, b&b e case vacanze travolti dal Covid: “Zero ristori dallo Stato perchè non siamo partite Iva” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.