Un’estate 2020 con le stanze di bed and breakfast e affittacamere alla Marina, rione portuale e turistico di Cagliari, che sta per iniziare con la “quota zero” per quanto riguarda la presenza di turisti stranieri. Pochissimi hanno confermato i giorni di vacanza, la maggior parte o ha già disdetto o, direttamente, non ha prenotato. Effetto della pandemia del Coronavirus, ma la mancanza di vacanzieri nel capoluogo dell’Isola rischia di avere effetti devastanti. La situazione non è rosea, tra qualche giorno ritorneranno i collegamenti con dei vettori low cost, ma la sensazione è che sarà impossibile immaginarsi i guadagni di un anno fa. E gli aiuti del Governo vengono bollati, dai titolari di strutture che li hanno ricevuti, come “insufficienti”. Qualcuno ha ottenuto i seicento euro, nessuno degli intervistati si è tentato la carta del finanziamento-prestito sino a 25mila. Le varie spese e scadenze dei pagamenti, però, non sono state “disdette”, anzi: sono arrivate sin troppo puntuali.

Marco Galletta, dal 2013, ha un affittacamere in via Roma. Otto stanze, tutte vuote: “Qualche prenotazione sta iniziando ad arrivare ma nulla di soddisfacente, il calo degli arrivi è superiore al sessanta per cento. Solo dall’Italia, zero dall’estero, posso solo sperare che migliori col passare dei giorni. Spero di arrivare ad aprile 2021 con le ossa intere per poter ripartire con una stagione migliore, ho avuto i 600 euro del Governo ma li ho spesi per me e non per l’attività, è stato un aiuto ininfluente. Ho dovuto chiedere un prestito per poter arrivare all’anno prossimo tra affitti e bollette”.

Sabrina Pili ha un b&b all’ultimo piano di un palazzo di via Roma: ” Situazione totalmente incerta, non ho ricevuto nessuna prenotazione, se non arrivano gli aerei l’effetto è zero. Ho avuto forti cancellazioni da quando si è parlato del passaporto sanitario, è stato la mazzata finale. Nessun aiuto dal Governo ma ci sono le scadenze delle rate dell’Irpef, col flusso attuale come le pago?”. Questione rumore e movida: “Mai stato un problema, le mie stanze sono insonorizzate. La movida è una conseguenza naturale per una città turistica, a Villasimius e Pula nessuno si mette problemi. Spero che la situazione migliori da quando arriveranno i voli low cost”. Una sola prenotazione confermata, per fine agosto, da parte di turisti tedeschi, invece, per

Barbara Cubeddu, titolare di un affittacamere in via Barcellona da due anni e mezzo: “Tutte le altre prenotazioni già cancellate, sarebbe dovuto essere un anno fortunato tra America’s Cup e altri eventi. Non ho avuto nemmeno i 600 euro dallo Stato, la mia richiesta è stata rigettata. Il baccano nel rione? I turisti vengono proprio perchè c’è la movida, ho avuto vacanzieri russi che hanno adorato trovare i ristoranti aperti e il movimento vicino alla struttura. I residenti che si lamentano? Potrebbero trasferirsi in una zona più tranquilla, in tutte le grandi città del mondo, da Milano a New York, ci sono i rioni della movida”.

L'articolo Cagliari, b&b e affittacamere vuoti: “Le prenotazioni dei turisti stranieri? Quasi azzerate” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.