In aumento le degenze presso i reparti Covid dell’Ospedale Binaghi. Tre i dati di riferimento: il 26 novembre erano presenti 42 pazienti, il 4 dicembre 47 pazienti e oggi 60.“Si assiste ad una crescita che rispecchia l’andamento epidemico della nostra Regione”, dichiara Sergio Marracini, direttore del Pou di Cagliari, “dapprima l’impennata e successivamente la decrescita dei ricoverati in Terapia Intensiva è da riferirsi sia ai decessi che alla minor intensità di cura richiesta per la prosecuzione della degenza del paziente”, complessivamente si assiste ad una quota di non vaccinati degenti di molto maggiore rispetto ad i vaccinati. L’aumento della quota dei ricoveri dei pazienti vaccinati non è da riferirsi ad una minor efficacia dei vaccini disponibili, bensì ad un aumento della popolazione vaccinata che per variabilità interpersonale non risponde alla vaccinazione o risponde con minor forza per patologie preesistenti (vedi il “Paradosso di Simpson”). Da qui”, conclude, “l’importanza di eseguire la terza dose e di continuare a seguire le precauzioni (lavaggio delle mani, distanziamento sociale, mascherina a coprire naso e bocca) per ridurre la circolazione del virus, a maggior ragione con la variante Omicron presente sul territorio nazionale e regionale”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.