Spazzatura che trabocca nelle strade, fuori dai “cassonetti” che si possono aprire solo con l’ecocard, per la gioia di piccioni, gabbiani e topi. E per la disperazione e la rabbia di commercianti e ristoratori. Eccola, la clamorosa protesta a ridosso dell’estate 2020 da parte del Consorzio del centro storico, realtà che ingloba, da tanti anni, quasi tutti i titolari di attività commerciali della Marina: “Qui non si tratta solo di condannare l’inciviltà di taluni incuranti della pulizia, del decoro urbano e del rispetto delle persone, qui parliamo di carenza nello svolgimento di un servizio pubblico essenziale: la pulizia delle strade. Si è spesso puntato il dito sulla condizione dei rioni storici della città di Cagliari, ma queste immagini, come tante altre documentate in questi mesi, testimoniano il fatto che il problema è ben più esteso. Questa immondezza giace e si accumula ormai da giorni, anche dopo aver segnalato l’inadempienza alle autorità competenti”.

“Non vogliamo abituarci a un contesto in cui la sporcizia e la trascuratezza acuiscono il degrado urbano, perché diverrebbe anche sociale. Peraltro i contribuenti versano annualmente tributi onerosi proprio perché il sistema di prevenzione e la salvaguardia dell’ambiente possano essere garantiti. La cittadinanza residente e i turisti meritano risposte concrete”.

L'articolo Cagliari, “alla Marina spazzatura accumulata da giorni: quando tornano a pulire le strade?” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.