Sono quaranta i chili di esplosivo utilizzati per abbattere la torre dei silos del porto di Cagliari. Un primo “bum” alle 14:02, tra sette giorni sarà il turno degli ex depositi dei cereali che, sin dal 2011, sono stati dichiarati pericolanti e a rischio crollo. A dieci anni di distanza dall’sos dei Vigili del fuoco, finalmente è avvenuto l’abbattimento della torre. Un evento che è stato immortalato, alle 14:02 di un giovedì di metà marzo che resterà nella memoria di molti. Presenti, al porto, il sindaco Paolo Truzzu e il presidente dell’Authority Massimo Deiana. Tutta l’area è stata transennata, stop agli arrivi delle navi e ai voli degli aerei. Solo il molo Rinascita è stato il punto più vicino dal quale poter assistere alla detonazione del gigante di cemento. Alcune maxi vasche ricolme d’acqua hanno consentito che gli effetti della detonazione si bloccassero a pochi metri di distanza, con la maxi nube di fumo che è rapidamente scomparsa, lasciandosi dietro un “buco” nel panorama del porto e della via Roma.Tra sette giorni esatti, nuovo appuntamento per la seconda detonazione: la dinamite abbatterà per sempre i silos.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.