Dramma nella tarda serata di ieri a Cagliari. Alessandro Carcassi, 20 anni appena compiuti, è morto dopo essere precipitato da una palazzina in via Piero della Francesca. Il giovane era uscito dal carcere minorile di Quartucciu per un permesso premio ed era tornato in quella che era la sua casa. Si è arrampicato ad una delle grondaie del palazzo, provando a raggiungere l’appartamento dove, in quel momento, sembra non ci fosse nessuno. Poi, il drammatico volo nel vuoto: inutili, purtorppo, i soccorsi del 118. Sul posto è intervenuta anche la polizia.

 

Tanti i messaggi di cordoglio su Facebook per Alessandro Carcassi. C’è chi, come Alessandro S., gli dedica un video con l’aggiunta di due emoticon, un cuore intero e un cuore rotto, e chi, come nel caso di Antonella A., scrive: “Vola alto tesoro bello, porterò sempre il tuo ricordo nel cuore”. Un altro messaggio toccante è quello di Marcella: “Non ho parole, non ho altro per la testa che mi faccia distrarre, ho solo te. Te nella mente, vola in alto più che puoi. E che la terra ti sia lieve. Ciao Ale”.

L'articolo Cade mentre si arrampica su un palazzo, tragedia a Cagliari: muore un ventenne proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.