Ad essere protagonista di una scena esilarante è un atleta dilettante di 39 anni, di nome Diego Moreno, che ha subito un incidente sull’Avenida “Los Cactus” nella zona del Parque de la Ciudad, nella provincia di La Rioja (Argentina) mentre pedalava in bicicletta. L’uomo, è caduto con le gambe all’aria, in mezzo ai cactus dopo aver perso il controllo della sua bici, su una strada riempiendosi completamente di spine. In un primo momento, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato assistito da passanti e persone che si trovavano in zona, e poi trasferito all’ospedale Vera Barros per eseguire le cure corrispondenti. “Andavo con altri tre ciclisti, ero ultimo della fila, non ho visto un piccolo cratere sull’asfalto e ho scansato la buca, ho lasciato il manubrio e ho iniziato a cordonare, volevo recuperare l’equilibro della bici e non riuscendo sono andato dritto contro gli steli del cactus, una pianta originaria della regione. “Grazie a Dio indossavo occhiali e casco e per questo non mi sono punto la faccia o la testa, perché il modo in cui le spine si sono conficcate avrebbe potuto rendermi cieco”, ha raccontato Moreno ai media del suo paese. Fortunatamente nonostante tutto il ciclista non si è ferito gravemente

L'articolo Cade con la bici e finisce in un campo di cactus e si rialza pieno di spine: ecco l’esilarante video proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.