Legale familiari, 'Dario era al posto e al momento sbagliato'

(ANSA) - BOLOGNA, 07 MAR - Nei cadaveri di Riccardo e Dario Benazzi, i cugini di 64 e 70 anni trovati carbonizzati sul sedile posteriore di un'auto domenica 28 febbraio nelle campagne di Rero, in provincia di Ferrara, sarebbero stati trovati pallini. È quanto filtra dai primi risultati dell'autopsia secondo quanto riportato dal Resto del Carlino. L'elemento rafforza la pista del duplice omicidio rispetto a quella iniziale di duplice suicidio o dell'omicidio-suicidio. La strada del resto era già ipotizzata e seguita dagli inquirenti da alcuni giorni.

I pallini, riporta il Carlino, sarebbero stati rinvenuti nelle gambe e nel tronco di entrambi i corpi. Se questo elemento fosse confermato potrebbe indicare che i due siano stati prima gambizzati, finiti quando erano già a terra e poi trasportati a circa un chilometro e bruciati nell'auto per eliminare tracce.

Dario e Riccardo "non erano solo cugini ma anche amici", Dario "ha cercato sempre di aiutare Riccardo, in tutto, soprattutto dopo che era caduto un po' in disgrazia per l'investimento su un brevetto" poi finito male, e domenica scorsa "si è trovato al posto sbagliato, al momento sbagliato e probabilmente con la persona sbagliata". Così all'ANSA Denis Lovison, legale che difende i familiari di Dario Benazzi. Sul caso il quadro di indagine è ormai quello del duplice omicidio, "dubbi non ce ne sono", afferma Lovison.

Proseguono le indagini del Nucleo investigativo dei carabinieri di Ferrara. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.