È di Claudio Aresu il corpo, in avanzato stato di decomposizione, scoperto da una coppia di escursionisti nel Supramonte di Baunei, in località “Bruncu e Pisu”. Pochissimi dubbi, anche dopo che i soccorritori hanno ritrovato, accanto al corpo, “i documenti del 46enne, sparito ad agosto durante un’escursione, oltre a parti del cuoio capelluto compatibili con quello di Aresu”, come confermato alla nostra redazione da fonti qualificate. I resti dell’uomo sono già stati portati in camera mortuaria all’ospedale, manca solo l’ufficialità data dall’esame del Dna. I parenti, anche pochi giorni fa, avevano lanciato l’ennesimo appello: “Cercate Claudio, è ancora vivo. È stato avvistato da più persone”. Invece, a quanto pare, si trattava di qualcun altro.A recuperare il cadavere i Vigili del fuoco di Tortolì, dopoa richiesta fatta dai carabinieri. Le operazioni sono state dirette dalla Procura della Repubblica di Lanusei, competente per territorio, che ha incaricato il soccorso alpino della Guardia di Finanza per gli accertamenti sullo stato dei luoghi e sulla persona rinvenuta. Gli operatori dei Vigili del Fuoco e i volontari del soccorso alpino hanno provveduto alla rimozione e recupero del cadavere. Alcuni elementi riscontrati sul posto sono stati ricondotti oggettivamente a Claudio Aresu, scomparso a fine agosto.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.