Potrebbe essere di Marco Frau, l’insegnante elementare scomparso ad Assemini nel 2019, il cadavere trovato ieri sera in un canale a Uta. Le indagini degli inquirenti al momento vanno in quella direzione.Marco Frau è il maestro di 52 anni scomparso nell’ottobre 2019 da Assemini. E’ sparito nel giro di 8-10 ore: sino alle 22:30 circa era insieme a una sua collega, la stessa che, la mattina successiva, era andata dai carabinieri per denunciare la sparizione dell’uomo.Secondo la descrizione Frau, l’ultima volta in cui è stato visto, indossava un paio di scarpe celesti Geox, un pantalone nero e una maglia grigia. Lo scheletro umano trovato nel canale di Uta è stato rinvenuto con addosso una maglia e un paio di pantaloni scarsamente riconoscibili, mentre è buono lo stato di conservazione delle scarpe, che sono proprio di marca Geox.  La figlia Michela Frau, conferma che “i colleghi hanno riconosciuto mio padre dagli abiti trovati addosso al cadavere di Uta”.E anche Anna Maria Busia, legale dell’ultima persona ad aver visto Frau, conferma: “La mia cliente ha visto le immagini e ha dichiarato che le scarpe somigliano a quelle della persona scomparsa”. Spetterà al Ris dare un nome e un cognome allo scheletro trovato a Uta.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.