Bussu dalla Cao alla direzione della Cantina di Santa Maria La Palma
Importante incarico per il manager originario di Gavoi, molto noto nell’Oristanese

Simone Bussu

E’ Simone Bussu il nuovo direttore generale della Cantina Santa Maria La Palma, di Alghero, una delle realtà più importanti del mondo del vino sardo. Originario di Gavoi, 42 anni, Bussu arriva dalla Cao, dove in questi anni ha operato come direttore commerciale.

Dopo la laurea in marketing ed economia all’Università Bocconi di Milano, Simone Bussu ha proseguito gli studi in Inghilterra e negli Stati Uniti, presso la Hult Business School di Boston. Terminata l’esperienza accademica ha fatto esperienza e lavorato come manager per importanti realtà tra cui Deloitte, Barabino & Partners, Buondì Bistefani e Lactalis, sino alla più recente esperienza in Sardegna, appunto con la CAO Formaggi.

«Sono felice di trovarmi qui e ringrazio la Cantina Santa Maria La Palma per aver deciso di puntare su di me, sulla mia figura e su un percorso di crescita basato su una visione del futuro che comprenda importanti progetti e aspirazioni», evidenzia il neo direttore Simone Bussu. «La Cantina Santa Maria La Palma è un’azienda d’eccellenza, un’autorevole realtà del territorio di Alghero e di tutta la Sardegna. Porterò qui la mia cultura fatta di lavoro, umiltà e sacrificio: la mia volontà è quella di accompagnare l’azienda in un percorso di crescita sul solco degli importanti risultati avuti in questi anni, mettendo le persone al centro, partendo dal valore dei soci sino a quello di tutta la squadra fatta da dipendenti e collaboratori».

«La scelta di Simone Bussu», sottolinea Mario Peretto, presidente della Cantina Santa Maria La Palma, «è una scelta condivisa con tutto il CDA, realizzata nel pieno interesse dell’azienda e dei nostri soci. Una figura giovane, capace, dall’ottimo curriculum e dotata di ottime capacità personali e relazionali. La sua selezione è frutto della nostra volontà di continuare a puntare sulla competenza e su una visione ampia, capace di guardare positivamente al futuro e alle sue opportunità, per andare avanti nel processo di crescita avviato in questi anni: perché la crescita non può che passare dalle persone e dalla competenza delle stesse, su cui abbiamo scelto ancora una volta di investire. Credo e crediamo che Simone Bussu rappresenterà un importante valore aggiunto per la nostra realtà e vogliamo fargli ancora una volta gli auguri e un grande in bocca al lupo per il lavoro che lo aspetta e per le grandi sfide che saremo chiamati ad affrontare, insieme, come una grande famiglia».

Una grande famiglia che rappresenta un intero territorio, dalle campagne di Alghero in poi: è questo il tratto distintivo che accompagna la Cantina Santa Maria La Palma, cooperativa raccoglie oltre 300 soci viticoltori ed è un’azienda leader del settore vini: produce ogni anno oltre 5 milioni di bottiglie – tra cui i grandi marchi Aragosta e Akènta – distribuite in Sardegna e nel mercato nazionale e internazionale.
Una realtà che è pronta a continuare il suo percorso di crescita, fiera di poter rappresentare Alghero e la Sardegna nel mondo.

Mercoledì, 3 febbraio 2021

L'articolo Bussu dalla Cao alla direzione della Cantina di Santa Maria La Palma sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.