Buone notizie a Selargius, i contagi in città scendono da 250 a 140: in un mese sono guariti 110 cittadini. Il sindaco Gigi Concu: ”Non posso nascondere la preoccupazione legata alla lentezza del Piano vaccini”.Un dato che non può che rallegrare quello che giunge dal centro dell’hinterland di Cagliari.A comunicare l’ultimo bollettino è il sindaco Gigi Concu: “Siamo passati dai 250 casi di positività registrati nel nostro territorio a metà gennaio a 140, ciò significa che nell’arco di un mese centodieci nostri concittadini sono guariti. Sono ovviamente numeri incoraggianti, che confermano quanto sia utile e fondamentale attenersi scrupolosamente alle prescrizioni volte a contenere il diffondersi del contagio, ma che non devono assolutamente farci abbassare la guardia”.“Per quanto riguarda la scuola primaria di via Rossini – aggiunge il primo cittadino – le indagini epidemiologiche eseguite hanno escluso la presenza di focolai, e non avendo ricevuto da parte dell’Ats alcuna indicazione su un’eventuale necessità di prorogare l’ordinanza con la quale si era disposta la chiusura, da domani aprirà regolarmente, secondo i consueti orari.In ultimo non posso nascondere la preoccupazione legata alla lentezza del Piano vaccini nella nostra Regione. Quattro settimane di ritardo per avviare la fase quattro che coinvolgerà gli ultra ottantenni porterà a un conseguente slittamento di tutte le altre categorie ancora escluse, allontanando ulteriormente l’agognata immunità di gregge necessaria per ritornare poco per volta alla normalità”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.