(ANSA) - CAGLIARI, 23 MAG - Nell'ultimo decennio, in Sardegna i reati informatici denunciati dalle forze di polizia all'autorità giudiziaria sono quasi raddoppiati (+ 89,2%).
    Aumentati al ritmo del 10,1% l'anno, pongono l'Isola al sesto posto in Italia dove, in media, tra il 2010 e il 2020 le truffe e frodi informatiche sono salite del 72,8%. La poco invidiabile classifica vede al primo posto il Veneto (+110,2%), seguito dalla Sicilia (+102,9%) e dall'Umbria (+102,3%).
    "La guerra in Ucraina - afferma Fabio Mereu, vice presidente di Confartigianato Imprese Sardegna e delegato per l'Innovazione Tecnologica - ha messo in evidenza come uno dei caratteri dei nuovi conflitti ibridi sia quello degli attacchi informatici. Le operazioni di guerra cibernetica comprendono l'attacco a siti istituzionali e aziendali, ultimo in ordine di tempo l'attacco al sito della Polizia di Stato qualche giorno fa, mettendo in primo piano il tema della sicurezza informatica di enti e imprese. La Sicurezza informatica diventa quindi fattore cruciale anche per le Mpi".
    Per cogliere il posizionamento delle imprese in relazione alla sicurezza informatica l'Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna ha esaminato i dati dell'ultima indagine dell'Istat sulla situazione e prospettive delle imprese dopo l'emergenza sanitaria, nella quale sono esplorate le tendenze di 9 fattori chiave della trasformazione digitale delle imprese e le quote di imprese che li hanno indicati come molto importanti o cruciali.
    Le imprese mostrano una crescente consapevolezza sui rischi della digitalizzazione e dedicano molta attenzione alla sicurezza, in termini di prevenzione di attacchi ed eventuali azioni di recupero dei dati, con il 42,1% delle micro e piccole imprese (Mpi) che lo considera molto importante o cruciale. La quota è del 44,8% nelle Mpi del commercio, del 41,1% nella manifattura, del 39,6% per gli altri servizi e del 37,2% per le costruzioni. E proprio per costruire una società digitale isolana che metta l'economia delle imprese al riparo da attacchi informatici e che sia, allo stesso tempo, più smart e capace di ridurre i costi energetici, la Regione, con tre milioni di euro ha finanziato lo SharD-HUB, il digital innovation hub guidato da Sardegna Ricerche. Questo progetto, di cui fa parte anche Confartigianato Sud Sardegna, è stato presentato alla Commissione europea dopo aver superato la selezione italiana per diventare uno dei poli della rete europea per l'innovazione digitale e creare così un ponte virtuale tra la Sardegna e il resto del mondo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.