Troppi contagi e troppi turisti in arrivo. E così il governatore Christian Solinas ci riprova. E ripropone l’ordinanza che prevedeva test obbligatori per i passeggeri in entrata che non si siano presentati all’imbarco con una certificazione di negatività al Covid-19, o in alternativa il tampone obbligatorio.

Il Tar l’aveva sospesa. Ma la sospensiva dei giudici scade domani. E così Solinas l’ha riproposta. Anche se proprio domani arriverà la decisione del Tar che dovrà decidere se confermarla o meno

I dati. In Sardegna la curva di contagio si è alzata in coincidenza col flusso turistico di massa. La Regione Sardegna aveva contenuto la diffusione del virus con un numero di contagi accertati prossimo allo zero fino a tutto il mese di luglio 2020. Ma nelle ultime due settimane il numero dei soggetti in isolamento domiciliare è cresciuto di circa 650 unità, triplicando il dato percentuale relativo al picco del periodo del lockdown (oltre 2190 casi). Nelle  ultime due settimane il numero dei soggetti ricoverati in ospedale in reparti non intensivi ha avuto un incremento di circa 14 unità, con ciò raggiungendo il dato percentuale del periodo del lockdown (circa 116 casi).

E il numero dei soggetti attualmente ricoverati in terapia intensiva è pari a 19 unità con un incremento notevole, nel corso delle ultime due settimane, strettamente connesso e proporzionale all’aumento esponenziale dei decessi, passati da 140 a 156 ( 16 morti).

L’ incremento esponenziale dei soggetti risultati positivi va messo in relazione per un verso al numero effettivo di posti letto liberi (14 unità in terapia intensiva e a 28 unità in terapia semintensiva). Non secondo i dati sulle proiezioni degli arrivi dai traghetti e dagli aerei sono attesi più di 100.000 sbarchi e circa 300.000 arrivi in aereo nel trimestre ottobre/novembre/dicembre.

C’è poi il bollettino diffuso dall’unità di crisi regionale registra ben 111 casi, “ossia un dato percentuale mai registrato neppure nel periodo del lockdown, così da evidenziare il rischio di una vera e propria emergenza che impone la necessità e l’urgenza di intervenire a tutela del diritto alla salute delle persone”.

E così Solinas “in virtù della condizione insulare della Sardegna, della conseguente limitata quantità di punti di accesso e del dimensionamento del servizio sanitario regionale, ch,  per quanto potenziato in maniera considerevole nelle strutture e nei reparti specialmente dedicati alla cura delle patologie da Covid non potrebbe fare fronte alla ripresa della diffusione virale con numeri esponenzialmente superiori alla propria capacità di erogazione di prestazioni, connessi ai flussi turistici prevedibili nel mese corrente”, ritiene “necessario un sistema di controlli preventivo rinforzato sugli arrivi al fine di filtrare ulteriormente la possibilità di nuova circolazione virale”.

L'articolo Boom di contagi nell’Isola, Solinas ci riprova: test di ingresso e tamponi per chi arriva in Sardegna proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion