Tenere chiuse le scuole a gennaio in Sardegna. La richiesta è dell’Igiene pubblica dell’Ats che ha lanciato l’allarme alla Prefettura cagliaritana che, a sua volta, ha bussato alla porta della Regione. Tutto parte dalla lettera firmata due giorni fa da Antonio Fraislis, dell’Igiene pubblica dell’Ats e spedita alla prefettura. Nel documento si parla di situazione epidemiologica “in continua evoluzione con una tendenza all’aumento dei casi di Covid”. Si citano i casi di Villaputzu, Fluminimaggiore e Capoterra, dove è stato dimostrato “come da un piccolo focolaio scolastico, in pochi giorni si può arrivare a tassi di incidenza di gran lunga superiori ai livelli di allarme indicati dall’Istituto superiore di sanità”. I focolai si originano in ambiente scolastico perché le popolazioni delle classi spesso non sono vaccinate e interessano poi i genitori degli alunni, “talvolta non vaccinati”.

 

 

La lettera cita la diffusione della Omicron  e i rischi legati alle festività natalizie e del nuovo anno. E chiede alla Prefettura di valutare di disporre l’interruzione delle attività didattiche in presenza per le scuole di ogni ordine e grado in Sardegna per tutto il mese di gennaio 2022. Il prefetto Gianfranco Tomao ha avanzato la proposta all’assessorato regionale alla Sanità, al commissario dell’Ats e al ministero dell’Interno, al ministero della Salute a quello dell’Istruzione e al dirigente dell’ufficio scolastico regionale.

L'articolo Boom di contagi Covid in Sardegna, l’Ats: “Scuole chiuse per tutto il mese di gennaio” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.