I danni del maltempo che si è abbattuto anche su Cagliari sono più numerosi di quanto previsto da chi ha deciso di classificare l’allerta come gialla, cioè con il rischio più basso. Nel rione di Sant’Avendrace, in via Santa Gilla, il ristorante di Tony Frau è stato sommerso dai liquami. Acqua, tanta acqua arrivata dalle fogne, che non hanno retto per l’ennesima volta. E i danni sono ingenti: “Due frigoriferi rotti, da buttare, e cinquanta clienti persi in un colpo solo. Qui, situazioni simili, capitano ogni volta che piove più del previsto perché non vengono mai puliti, o quasi, i tombini”, tuona Frau. Il ristoratore ha lasciato il personale a casa e sta ancora terminando la conta dei danni. Tutto il pavimento è sommerso dall’acqua, tutt’altro che limpida, e anche dal fango.

 

 

“Non so quando potrò riaprire, se i danni non saranno molto elevati potrò solo tra un paio di giorni. Ma, intanto, non potrò lavorare a pranzo e a cena sino a quando non avrò rimesso tutto in ordine e ripulito la sala e la cucina”.

L'articolo Bomba d’acqua a Cagliari, ristorante sommerso dai liquami: “Tombini mai puliti a Sant’Avendrace” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.