Bolotana, caso di Coronas bentosas: il Comune si affianca a specialisti ambientali Dovranno occuparsi delle osservazioni da presentare alla Regione in ambito Via

BOLOTANA. Sarà l’Associazione medici per l’ambiente Isde Italia ad affiancare il Comune di Bolotana nel procedimento di valutazione di impatto ambientale in corso alla Regione e riguardante il progetto di ampliamento per sopraelevazione della discarica per rifiuti speciali non pericolosi di “Coronas bentosas” presentato dalla società Barbagia Ambiente che gestisce la struttura. Lo ha deciso, nei giorni scorsi, la giunta comunale presieduta dal sindaco, Annalisa Motzo, che ha anche approvato lo schema di accordo e di collaborazione con l’associazione nazionale che riunisce i medici che si occupano di problemi riguardanti il rapporto ambiente-salute. In particolare, l’associazione, presieduta in Sardegna dal medico di Sindia Domenico Scanu, dovrà supportare il Comune di Bolotana, dal punto di vista sanitario e ambientale, nella stesura delle osservazioni da presentare alla Regione nell’ambito della procedura di Via. «L’associazione – si legge nella delibera approvata dalla giunta – è in possesso delle competenze scientifiche e delle capacità di supporto tecnico-operativo specifiche, nonché delle metodologie per supportare l’amministrazione nella implementazione e stesura delle osservazioni in merito alla procedura di Via». Nella delibera si evidenzia, inoltre, la necessità del Comune «di avere un adeguato supporto, indispensabile per l’implementazione e la stesura delle osservazioni, con argomentazioni adeguatamente motivate, plausibili e legittime, che verranno successivamente trasmesse alla Regione». Da qui la decisione di attivare un rapporto di collaborazione con l’associazione Isde Italia che ha sede ad Arezzo e si articola nel territorio nazionale con sezioni regionali. Fino a qualche anno fa la sezione sarda era presieduta dal compianto medico radiologo sassarese, Vincenzo Migaleddu, che ha dedicato la sua vita professionale alla difesa della salute contro l’inquinamento ambientale. Tra le attività dell’associazione figura anche quella di esercitare un ruolo di informazione delle istituzioni pubbliche al fine di sviluppare e diffondere le conoscenze scientifiche in tema di salute, ambiente e sviluppo sostenibile. «La collaborazione – si precisa nella delibera – è intesa a titolo gratuito fatto salvo il riconoscimento di rimborso delle spese sostenute dall’Isde per la stesura della relazione». Nella stessa delibera, il Comune ha anche deciso di «individuare una figura professionale di adeguata capacità tecnico-giuridica in materia di diritto ambientale, al fine di offrire adeguato supporto tecnico specialistico». Le osservazioni al progetto di ampliamento della discarica dovranno essere presentate entro il 17 novembre.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.