No, non tutti sono stati felici della creazione del nuovo “mercatino Cuore” a Sant’Elia. Tutti, o quasi, gli ambulanti di piazzale Trento hanno piazzato la loro mercanzia nello spiazzo dietro lo stadio del Cagliari. Ma una buona fetta di chi, per venticinque anni, ha venduto di tutto tra via Po e via Simeto, senza mai avere nessuna autorizzazione, è tornata proprio in quelle vie per protestare. Qualcuno ha provato a vendere, ma gli agenti della polizia Municipale non gliel’hanno permesso. In circa 50 sono rimasti per un paio d’ore per fare il punto della situazione e studiare le prossime mosse, prima di andarsene: “Noi siamo disposti anche a pagare una quota di 5 euro ma qui a Sant’Avendrace, non a Sant’Elia perché non c’è posto. Siamo abituati a vendere qui da tanti anni”, spiega Satana Ahmetovic, uno dei partecipanti al blitz tra via Po e via Simeto. “Il sindaco Truzzu deve ascoltarci, ci siamo anche noi: venerdì prossimo torneremo a manifestare davanti al Comune in via Roma”. 

L'articolo Blitz degli ambulanti “irregolari” in via Po a Cagliari: “Vogliamo stare qui, Truzzu ascoltaci” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.