“Blindare i posti disponibili per i seimila precari sardi della scuola”
La proposta in Consiglio regionale per aggirare la nuova procedura “call veloce”

Una manifestazione dei precari della scuola

Manca poco più di un mese all’avvio del prossimo anno scolastico e si rischia il collasso nella scuola sarda dove si contano 6mila precari: la pandemia da covid-19 ha aggravato una situazione scolastica già difficile nel passato. Lo denuncia una delegazione, composta dai professori Diego Palma, Maria Paola Racca e Alessandra Manca, dell’Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei lavoratori ricevuta in Consiglio Regionale da alcuni capigruppo e consiglieri Francesco Mura (FdI), Pietro Comandini (PD), Eugenio Lai (LEU), Michele Ciusa (M5S) e Laura Caddeo (Progressisti).

L’incontro con la delegazione dei docenti ha evidenziato la volontà unanime dei Consiglieri della Regione Sardegna di creare le condizioni per una soluzione al problema precariato.

Dopo alcune ore di colloquio, si è portata avanti l’idea di presentare una “risoluzione” in Consiglio Regionale affinché si deliberi per l’attivazione di un ‘Percorso Formativo Attivo’ (PFA) Abilitante per i docenti sardi e si proceda alla richiesta di blindare i posti disponibili che per Decreto saranno assegnati a docenti provenienti da altre Regioni. Una disposizione che rischia di lasciare a casa docenti che da anni lavorano in Sardegna.

“In Sardegna i docenti precari storici sono circa 6000 e molte delle cattedre vacanti su territorio regionale verranno assegnate a docenti provenienti da altre Regioni. Questo in virtù del Decreto Ministeriale n. 25 dell’8/06/2020 che regolamenta la nuova procedura di assunzione denominata call veloce”, ha denunciato il docente Diego Palma. “Con questa modalità chiunque si trovi in una graduatoria di una qualsiasi Regione, potrà venire ad assumere un ruolo o anche una supplenza annuale in Sardegna, erodendo di fatto i posti attualmente occupati dai docenti precari residenti nell’Isola. Si prospetta una sostituzione dei docenti sardi con conseguenze sul piano sociale, economico e culturale in una terra già gravata dalla disoccupazione. Si perderebbero docenti capaci di trasferire nella scuola le conoscenze storiche e linguistiche del territorio”.

La situazione di pandemia da covid-19 ha aggravato una situazione scolastica già difficile nel passato, ma che oggi rischia il collasso.

“Il Ministero, nel tentativo di risolvere questa prospettiva così negativa”, ha concluso Diego Palma, ha pensato di bandire 3 concorsi per il ruolo (ordinario per infanzia e primaria, ordinario per la secondaria, procedura abilitante per la secondaria e concorso straordinario per il ruolo per la secondaria) che prevedono le assunzioni di soli 80 mila potenziali vincitori nell’arco di quattro anni, a fronte di un fabbisogno di circa 155 mila docenti, numero così elevato perché legato ai pensionamenti 2020. Dunque, i numeri ci indicano chiaramente che decine di migliaia di posti in organico di diritto verranno occupati dal personale docente precario a tempo determinato. L’ipotetico rientro in classe previsto dall’attuale Ministra, il 14 settembre vedrà esplodere in tutta la loro portata i gravi problemi che la scuola pubblica si porta dietro da troppi anni”.

Lunedì, 27 luglio 2020

L'articolo “Blindare i posti disponibili per i seimila precari sardi della scuola” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.