Il progetto ‘Sa lilla, sa viola, su giranu’, come cantavano nel loro storico repertorio musicale i tenores Remunnu ‘e locu di Bitti, ha incassato un grande successo di partecipazione da parte di tutta la popolazione locale. Oltre mille piantine di fiori sono state consegnate gratuitamente, una volta richieste dai cittadini, e sono andate a colorare scorci di paese, soprattutto nei rioni più antichi e purtroppo sempre più spopolati e abbandonati del centro storico. L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale e inserita nei programmi dedicati alle Giornate ecologiche diffuse, ha incoraggiato e coinvolto i bittesi nel recuperare, pulire e riqualificare i propri vicinati colorandoli quindi con i fiori messi a disposizione dal Comune.

“Centinaia di persone hanno risposto positivamente, anche ben oltre le nostre aspettative iniziali, dimostrando la forte necessità di riprendere a vivere la quotidianità dopo la quarantena da Covid-19: un momento di rinascita in cui si è voluto abbandonare l’inverno del lockdown per ripartire con l’energia della primavera”. Lo ha spiegato l’assessore comunale dell’Ambiente, Christian Farina, che ha aggiunto: “Il progetto è stato finanziato e promosso dal Parco naturale regionale di Tepilora all’interno delle attività di supporto e ripartenza economica dedicate alle amministrazioni locali dall’assemblea dell’Ente”.

L'articolo Bitti, consegnate oltre mille piante per colorare le vie del paese proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.