Amb. Cornado, liberare presidente Win Myint e Aung San Suu Kyi

(ANSA) - GINEVRA, 12 MAR - L'Italia ha condannato oggi davanti al Consiglio Onu dei diritti umani la "brutale repressione" delle proteste pacifiche in Birmania (Myanmar). Nel suo intervento nel quadro del Dialogo Interattivo con il Relatore Speciale ONU per il Myanmar Thomas Andrews, l'Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado, Rappresentante Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite a Ginevra, ha ribadito la "ferma condanna da parte dell'Italia del colpo di Stato" e la richiesta di porre immediatamente fine allo stato di emergenza e di liberare il Presidente Win Myint, la Consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, gli attivisti della società civile e tutti coloro che sono ingiustamente detenuti".

L'Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado - riferisce una nota della Rappresentanza - ha altresì reiterato la condanna della "brutale repressione delle proteste pacifiche nel Paese", esortando il regime militare a fermare l'uso eccessivo della forza letale nei confronti della popolazione" e a garantire il "pieno rispetto dei diritti umani e dello Stato di diritto".

L'Ambasciatore ha infine espresso la "solidarietà dell'Italia nei confronti del popolo del Myanmar e di coloro che cercano in modo pacifico di assicurare che il Paese riprenda il percorso verso la democrazia". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.