L’aveva visto tranquillo e sorridente, dentro il passeggino, a casa, qualche ora prima della tragedia. Cristiano Ennas è il fratello di Ilaria, la 31enne che ha praticamente visto morire suo figlio, Daniele Ulver, appena 15 mesi, davanti ai suoi occhi. Il passeggino con dentro il piccolo è stato preso in pieno dallo scooter T-Max guidato da Emilio Pozzolo, trentacinquenne cagliaritano accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso. “Nessuno mi ridarà mio nipote ma voglio giustizia”, dice lo zio, dopo essersi sincerato delle condizioni della sorella, sotto choc ma illesa e rimasta per più di due ore dentro un’ambulanza. “Ilaria vive con noi, a Quartu. Li avevo visti questo pomeriggio, prima che uscissero”. La meta era il parco di Monte Claro, “stavano andando quando Daniele è stato investito”.È sconvolto, Cristiano. Sa che mai niente e nessuno potrà restituirgli il nipotino: “L’investitore si è costituito, anche se dovesse fare l’ergastolo”, osserva, sconfortato, lo zio del piccolo, “Daniele è morto, quindi non è molto importante”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.