Il 38enne di Cagliari è accusato di omicidio stradale ed è stato mandato ai domiciliari

CAGLIARI- È stato arrestato per omicidio stradale e adesso si trova ai domiciliari, Emilio Pozzolo, il 37enne che alla guida di uno scooter, nonostante fosse senza patente, ha travolto, uccidendolo sul colpo, il piccolo Daniele Ulver, di appena 15 mesi, e la madre Ilaria Ennas, mentre attraversavano sulle strisce pedonali in via Cadello, davanti al parco di Monte Claro. Il 37enne, il primo febbraio scorso, era fuggito dalla zona per poi presentarsi poco dopo alla polizia stradale, accompagnato dal suo legale. L'uomo era stato denunciato in stato di libertà per omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga. Oggi nei suoi confronti è scattato anche il provvedimento restrittivo ed è finito agli arresti domiciliari.

Sono stati gli agenti della polizia municipale di Cagliari, gli stessi che hanno condotto le indagini per ricostruire l'incidente, a notificare il provvedimento ad Emilio Pozzolo, accusato di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga. Il provvedimento è stato richiesto dalla pm, Ginevra Grilletti e firmato dal Gip Roberto Cau. A fare scattare l'arresto, a quanto pare, sarebbe la condotta tenuta da Pozzolo. Al 37enne era stata revocata la patente a seguito di un problema giudiziario, ma nonostante questo si era fatto prestare lo scooter Honda 750 a bordo del quale ha travolto il piccolo Daniele. (ANSA)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.