“Basta con annunci e passerelle, più trasparenza sulle vaccinazioni”
I Progressisti in Consiglio regionale contestano i ritardi per categorie deboli e scuole

«Basta prese in giro ai sardi. Basta con le interviste autoprodotte in cui si dice che tutto va bene e in cui si scarica sul Governo la possibilità di poter vaccinare tutti entro 30-45 giorni. Tutto mentre siamo la penultima regione in Italia per somministrazioni effettuate, non si riesce a fare una prenotazione, non sono stati individuati spazi adeguati per le vaccinazioni, non sono stati coinvolti medici di base e farmacie”.

Anche Massimo Zedda, con il gruppo dei Progressisti in Consiglio regionale, attacca la Giunta Solinas per le incertezze e i ritardi nella campagna di vaccinazione. “Non servono annunci, servono un’organizzazione trasparente e comunicazioni chiare per tutti”, dice Zedda. “Non è possibile che migliaia di sardi, a iniziare dagli ultra-ottantenni, non sappiano da chi saranno chiamati, e quando, per avere il vaccino”, dice Zedda. “Agli anziani che riescono a prendere la linea con il Cup per lasciare un numero di telefono viene risposto ‘Speriamo che per mandare gli sms usino queste liste’. Solo annunci e passerelle, a cui non seguono fatti concreti. Non è possibile andare avanti così».

«Come Progressisti, depositeremo nelle prossime ore una richiesta di accesso agli atti per capire come si stia procedendo per individuare le categorie più esposte”, dice il capogruppo Francesco Agus. “Diversi ordini professionali stanno stilando le anagrafiche, ma ancora non hanno avuto risposte. Allo stesso modo sono ancora in attesa di capire quando saranno vaccinate le categorie di pazienti con malattie croniche. Ancora una volta, la mancanza di trasparenza e di un piano di lavoro preciso e chiaro da parte del presidente della Regione provoca problemi alle cittadine e ai cittadini sardi».

La consigliera progressista Laura Caddeo ricorda che anche la scuola attende certezze: «Tra le categorie indicate come prioritarie e non ancora coinvolte nella campagna ci sono gli insegnanti e il personale della scuola. In una fase come questa non è accettabile, ancora di più in un momento in cui – lo dicono i dati nazionali – la riapertura delle scuole ha portato a un aumento dei casi sospetti: anche nell’isola sono diversi gli istituti chiusi per le verifiche necessarie. Mentre altre categorie che, allo stesso modo, erano state indicate come essenziali stanno ricevendo il vaccino o hanno le prenotazioni, è evidente la scarsa considerazione che questa Giunta ha per gli insegnanti, il personale scolastico e il mondo della scuola».

Martedì, 2 marzo 2021

L'articolo “Basta con annunci e passerelle, più trasparenza sulle vaccinazioni” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.