Si chiama “stop al blocco sfratti” ed è l’ultima iniziativa, almeno a livello cronologico, che vedrà scendere in piazza a Cagliari una nuova categoria di persone: quelle che hanno una casa data in affitto e che non possono far sloggiare l’inquilino o gli inquilini morosi. Ad organizzarla è Manuela Sollai, 33 anni, di Cagliari. La donna è finita anche alla ribalta nazionale per il caso dello “sfratto impossibile” di Selargius: nella sua abitazione vive uno straniero che, a detta della giovane, “è moroso, e non posso mandarlo via proprio per colpa del blocco degli sfratti. Ho ricevuto l’ok dalla questura, lunedì tre maggio manifesteremo dalle 9:30 davanti alla prefettura di Cagliari, in piazza Palazzo. La manifestazione è organizzata da me ma anche da altre persone che si trovano nella mia stessa situazione”.“È la terza volta che viene prorogato dal Governo il blocco degli sfratti, adesso basta. Non è che per fare beneficenza agli altri deve finire che gli altri la faranno a noi. Le tasse da pagare sono sempre le stesse anche se non percepiamo le locazioni. Chi vuole condividere il nostro dolore e sofferenza ci raggiunga in piazza”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.