Banda di ragazzi in trasferta aveva fatto strage di auto: denunciati
Identificati dai carabinieri grazie alla videosorveglianza e agli indizi sui social

Assieme alle immagini degli impianti di videosorveglianza, li hanno traditi le chiacchiere sui social. In poco più di una settimana, i carabinieri hanno identificato e denunciato sei giovanissimi – età fra i 14 e i 18 anni, tutti dell’hinterland cagliaritano – che la notte fra il 14 e il marzo avevano danneggiato numerose auto parcheggiate nelle strade di Monserrato.

I carabinieri hanno raccolto con pazienza tanti spunti di indagine, partendo dai filmati degli impianti di videosorveglianza in diverse zone della cittadina. Sono stati svolti accertamenti nelle banche dati delle forze di polizia, eseguite comparazioni antropometriche, sentite alcune persone e analizzati indizi che emergevano da alcune piattaforme social.

Proprio dai social sono arrivati gli elementi decisivi per confermare altri indizi e dare un nome ai giovanissimi vandali, che per la loro incursione avevano usato anche un martelletto spaccacristalli, probabilmente rubato da un autobus del servizio pubblico.

Venerdì, 26 marzo 2021

L'articolo Banda di ragazzi in trasferta aveva fatto strage di auto: denunciati sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.