Altri nomi dei partecipanti al banchetto di Sardara. Nel corso dell’interrogatorio durato circa 3 davanti al Pm Pilia il comandante del corpo forestale Antonio Casula ha elencato altre persone presenti al pranzo (in zona arancione)  al ristorante delle terme bruscamente interrotto dall’arrivo della Guardia di Finanza. Secondo l’inchiesta dell’Unione Sarda di Francesco Pinna (oggi in edicola con tutti i dettagli), si tratta di Mauro Esu, portavoce del presidente della giunta regionale Christian Solinas, Pietrino Fois, ex consigliere regionale dei Riformatori, Sandro Murtas, ex direttore generale di Abbanoa e Umberto Oppus, sindaco di Mandas e direttore generale dell’assessorato agli Enti locali. Questi ultimi nomi non compaiono nell’elenco delle persone individuate dalla Finanza, come del resto l’ex assessore Erriu che però ha ammesso la propria partecipazione all’evento.
Sarebbe invece arrivato, sempre secondo la testimonianza di Casula riportata dal quotidiano cagliaritano, a pranzo terminato Alberto Urpi, sindaco di Sanluri e capo di gabinetto dell’assessora regionale all’Industria Pili e non sarebbe stato identificato dalle Fiamme gialle. L’inchiesta va avanti. Al momento non ci sono indagati, ma i magistrati stanno cercando di capire i motivi misteriosi della presenza allo stesso tavolo, in zona arancione, di militari, politici, medici e dirigenti regionali.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.