“I contenziosi, le multe stratosferiche, le inchieste sull’operato passato di Abbanoa, ora ci mancano solo le ombre sul futuro. Dopo il pranzo di Sardara, dove pare abbiano partecipato esponenti di spicco di Abbanoa, è difficile pensare si tratti di una coincidenza la proposta di inserire all’ordine del giorno del prossimo Consiglio di Amministrazione la nomina di un direttore generale senza aver condiviso un percorso trasparente con tutti i portatori di interesse”. Così su Facebook Francesco Mura, capogruppo di Fdi in consiglio regionale. Accuse nemmeno tanto velate. L’esponente del partito della Meloni in Sardegna allude a un nesso tra l’affollato e misterioso pranzo in zona arancione nel ristorante accanto alle terme e le nomine in Regione.

“Il neo Presidente di Abbanoa, Franco Piga deve assicurare maggiore condivisione in particolare con Egas”, aggiunge Mura, “Ente di Governo dell’Ambito della Sardegna, l’organismo chiamato a esprimersi sul modello organizzativo della società di gestione della risorsa idrica.

È tempo”, conclude, “di dare il via a un cambiamento radicale del modello organizzativo, perché il sistema adottato negli ultimi 15 anni, concentrando i poteri su una sola persona, ha fallito ed è sotto gli occhi di tutti. Va costruito un modello condiviso, di grande profilo e con un processo trasparente, senza lati oscuri. È venuto il tempo in cui ogni cittadino deve sentirsi orgoglioso di godere dei servizi di Abbanoa”.

L'articolo Banchetto di Sardara, Fdi al veleno su Abbanoa: “Ombre sulle prossime nomine” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.