La Guardia Costiera di Cagliari ha arrestato, ieri, due noti imprenditori locali del settore ambientale. I militari, delegati dalla Procura della Repubblica di Cagliari, hanno eseguito due ordinanze di custodie cautelari, una in carcere (per Roberto Vivarelli) e l’altra ai domiciliari (per Andrea Alberto Vivarelli), per violazioni in materia fallimentare (bancarotta fraudolenta) e di delitti contro la pubblica amministrazione (turbata libertà degli incanti).  Durante le operazioni di arresto sono state eseguite accurate perquisizioni delle abitazioni con sequestro di rilevante documentazione. Ai due indagati vengono contestate condotte illecite per quanto riguarda le attività di società specializzate nel trattamento di sottoprodotti di origine animale (SOA) per i quali sono tutt’ora in corso ulteriori indagini per violazione di norme ambientali connesse alla gestione dei rifiuti.

Le indagini e l’esecuzione delle misure cautelari sono state curate dal personale militare del Nucleo Speciale d’Intervento del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto in collaborazione con la Sezione di Polizia Giudiziaria della Guardia Costiera operante presso la Procura della Repubblica di Cagliari.

L'articolo Bancarotta fraudolenta a Cagliari, la Guardia costiera arresta due imprenditori proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.