La viabilità in viale Marconi ora è scorrevole. “Fin troppo”, spiegano da palazzo Bacaredda. Così come eccessivamente elevata risulta la velocità raggiunta dalle auto che sfrecciano sulla strada arginale. E così l’amministrazione pensa alla realizzazione di due nuove rotatorie nella zona. E’ quanto è emerso dalla commissione Mobilità di questo pomeriggio tra viale Marconi, via Mercalli e via Galvani: un sopralluogo per verificare l’andamento dei lavori.

Due le rotatorie in arrivo: una tra via Mercalli e la strada arginale per imporre il rallentamento alle auto in transito sull’arginale e l’altra in viale Marconi all’incrocio con via Mercalli. L’altra novità è che sarà istituito un tratto di corsia riservata alle attività di viale Marconi che potranno muoversi per un tratto in direzione Quartu fino alla rotatoria.

“Sono fiducioso”, dichiara Marcello Piras, presidente della commissione Mobilità, “la nuova viabilità renderà più agevole il trasporto pubblico locale, che era il principale obiettivo del progetto, ma migliorerà anche i tempi di percorrenza anche del traffico delle auto private”.

“I lavori saranno completati a breve”, ha dichiarato Stefania Loi, consigliera comunale Fdi, “renderanno più fruibile e sicura questa importante strada il rifacimento dei marciapiedi, l’illuminazione, e una rotatoria che consentirà una più razionale immissione delle auto nella Viale Marconi dalla Via Mercalli”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.