La metà di quelle circolanti ha più di 15 anni

CAGLIARI. Nei registri della motorizzazione sarda risultano ancora iscritte 96.218 automobili Euro 0, corrispondenti all'8,93% del totale vetture ad uso privato registrate in regione. Lo dice l'elaborazione di Facile.it, realizzata su dati ufficiali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Se si guarda ai valori assoluti, la maglia nera della regione spetta alla provincia di Sassari (28.873 auto private Euro 0, 8,91% del totale), seguita dalla città metropolitana di Cagliari, (21.830; 7,71%) e Sud Sardegna (18.675, 8,52%). Chiudono la classifica sarda le province di Nuoro (18.032, 12,22%) e Oristano (8.808, 8,49%). Se si allarga l'analisi; considerando le automobili Euro 0-1-2-3 si arriva, in totale, a circa 426mila; vale a dire che quasi la metà della auto potenzialmente in strada in Sardegna (40%) ha 15 anni o più di anzianità. «Un danno - commentano gli analisti di Facile.it- non solo per l'ambiente e per la sicurezza stradale, ma anche per le tasche dei proprietari; secondo le simulazioni di Facile.it, a livello medio nazionale, assicurare un veicolo Euro 3 del 2005 può costare fino al 156% in più rispetto allo stesso veicolo, nella sua versione euro 6, immatricolato nel 2020». (ANSA)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.