Ha piazzato, con l’aiuto del marito, un piccolo presepe nel soggiorno, Luciana Ugas, 56 anni. Accanto, a meno di miracoli, non troverà il regalo più importante: “Una casa popolare”. Invalida al cento per cento da un anno e mezzo, negli ultimi mesi ha bussato più volte alla porta del Comune: “Non di persona, non posso. Ho scritto alla sindaca, volevo farmi portare davanti al palazzo comunale ma mio marito non ha più le forze di un tempo”. Aveva già lanciato un appello attraverso Casteddu Online, la donna, residente ad Assemini in via Ozieri 34/a, in una palazzina senza ascensore. L’appartamento è al terzo piano e le rampe di scale sono ben sei: “Troppe, non posso certo pagare di tasca mia una piattaforma, servirebbero anche documenti e l’ok degli altri abitanti del palazzo”. Il marito non lavora, lei percepisce “600 euro al mese di pensione di disabilità e poco più di 600 euro di reddito di cittadinanza, ma sta per scadere. Come farò a pagare luce, acqua e affitto? Dovendomi pagare medicine e visite urgenti?”.“Ho chiesto più volte di essere inserita in graduatoria per le case popolari, il reddito non può essere l’unico metro di valutazione quando una persona, quasi immobilizzata, riesce a vedere il sole solamente se trova qualcuno che abbia le forze per trascinare me e la carrozzina per tre piani. Sto uscendo solo per andare ai funerali, due giorni fa è morto un mio zio e solo grazie ad alcuni parenti potrò andare a portargli un fiore. Ma questa non è vita”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.