I carabinieri della stazione di Assemini hanno arrestato un 39enne per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente. Si tratta di una persona che conduce una vita agiata, nonostante non lavori, ben conosciuta dai militari che, da tempo, lo stavano monitorando in attesa del momento gusto per fare una perquisizione. Ieri, dopo l’ennesimo servizio di controllo, lo hanno fermato sotto casa e hanno proceduto a una perquisizione domiciliare che ha dato i suoi frutti.

Non è stato facile perché il soggetto si era organizzato con portoncino di casa blindato e sistema di videosorveglianza contro possibili irruzioni dei carabinieri, ma i militari hanno atteso che a casa non ci fosse nessuno, che tutti fossero usciti e lo hanno poi intercettato. Il 39enne ha negato  di avere le chiavi di casa ma i cara3gliele hanno trovate addosso. Sono stati trovati 31,8 grammi di cocaina, suddivisa in una confezione da 23 grammi, cioè 31 dosi del peso complessivo di 8,8 grammi ciascuna, nonché sostanza da taglio, due bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e la somma contante di euro 1935 in banconote di vario taglio, probabile provento dello spaccio. Il tutto è stato sottoposto a sequestro probatorio penale. L’arrestato è finito ai domiciliari prima del giudizio direttissimo che si è tenuto presso il tribunale di Cagliari e che si è concluso con una condanna a quattro anni di reclusione e sedicimila euro di multa.

L'articolo Assemini, droga e soldi nella casa “blindata”: 39enne arrestato e condannato proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.