Il turismo è un motore importante per la Sardegna, ma negli ultimi giorni le polemiche sugli arrivi dalle zone rosse per le seconde case anche in zona bianca (e la Sardegna è l’unica regione italiana con questo colore) impazzano. E sul tema interviene anche l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, a poche ore dal nuovo annuncio del presidente Christian Solinas, che chiede “per i turisti un secondo tampone dopo 5 giorni”. Chessa è netto: “Solinas sta cercando di garantire la salute dei sardi. Al di là delle polemiche, la Sardegna è bianca grazie ai sacrifici e alle scelte dei sardi e di Solinas. Insistiamo e diciamo in modo fermo che non solo uno deve farsi un test o vaccinarsi per motivi di salute, ma anche prima di venire qui da noi, alla partenza. C’è una grande contraddizione, chi è in zona rossa non si può spostare in altre regioni ma può viaggiare, come se non fosse successo nulla, come se non ci fosse una pandemia dichiarata a livello mondiale. Assurdo che la lezione di vita che ci ha dato il Covid non sia stata capita, sono sbalordito”, afferma Chessa: “La politica fa le regole nel rispetto delle leggi nazionali, non i controlli. Serve buon senso, altrimenti gli sforzi e i sacrifici sono inutili”.Chessa è “preoccupato che arrivi gente che possa infettarci, ben vengano i turisti ma a quali condizioni? Se lo scotto da pagare è che dobbiamo rinchiuderci nuovamente tutti allora dobbiamo agire in modo diverso. Ho chiesto al ministro Garavaglia di fare una legge unica sulle condizioni da rispettare per arrivare nelle regioni, è scontato che oggi chi viaggia deve farlo con certificato o col vaccino già fatto”. E sulle tante persone sbarcate a Olbia che hanno rifiutato i controlli e, in alcuni casi, sono risultate positive? “Non mi esprimo, è assurdo, direi cose contro le leggi. È una gravissima irresponsabilità mettersi in viaggio e mettere a rischio l’incolumità del prossimo, è inaccettabile”, tuona l’assessore. “Non vorrei che Solinas prendesse posizioni più estreme per il bene dei sardi, mi dispiacerebbe”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.