Le ultime somme stanziate per il contributo una tantum non bastano a coprire le domande. L'assessore Demuro: "Non ci aspettavamo un'adesione così massiccia. Subito nuovi fondi"

ARZACHENA. Mezzo milione di euro da inizio pandemia per aiutare le famiglie in difficoltà, 100mila euro l'ultimo stanziamento comunale straordinario una tantum varato alla fine dell'anno. Per accedere all'aiuto economico sono arrivate 381 richieste.

“Abbiamo destinato 100 mila euro a questa ulteriore misura prevista a fine anno per sostenere le famiglie contro la crisi economica dovuta alla pandemia, ma non saranno sufficienti a garantire la copertura delle 287 richieste approvate e inserite nell’elenco degli aventi diritto - spiega Gabriella Demuro, assessore ai Servizi sociali -. Il primo impegno dell’anno, quindi, sarà quello di recuperare altri fondi, comunali o esterni, per garantire a tutti il contributo promesso. Non ci aspettavamo un’adesione così massiccia. Significa che, a conti fatti, oltre alle consuete richieste di aiuto che riceviamo tutti gli anni, sono molte più del previsto le famiglie che hanno visto ridursi sensibilmente il reddito a causa di una stagione turistica drammaticamente ridotta. I lavoratori stagionali e l’intero comparto del turismo e del commercio hanno pagato un prezzo pesante per gli effetti negativi del Covid-19 la scorsa estate”.

In questa fase, la priorità nell’erogazione del contributo straordinario è stata data a coloro che non hanno mai richiesto sussidi regionali o comunali allo scopo di intervenire, stavolta, proprio sulla categoria dei lavoratori stagionali, mentre delle maggiorazioni sono state previste in caso di presenza di figli minori nel nucleo familiare (100 euro in più per ogni bambino). I termini per la presentazione delle richieste da parte di soggetti con reddito Isee da 0 a 25 mila euro erano fissati dal 27 novembre al 14 dicembre 2020.

Delle 381 domande pervenute, 287 sono regolari e riscontrabili, mentre 27 sono in fase di accertamento dei requisiti richiesti, le restanti sono pervenute fuori termine massimo. L’inizio dell’erogazione dei contributi avverrà non appena riprenderanno le attività contabili degli uffici comunali e della tesoreria.

Dall’inizio della pandemia a oggi, il Comune di Arzachena ha destinato in totale 495 mila euro alle misure economiche a sostegno di famiglie e aziende in crisi a causa dell’emergenza Covid-19, di cui 160 mila euro per l’erogazione di buoni spesa e contributi alle famiglie e 335 mila euro per contributi a 391 Partite Iva.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.